Chiede la grazia a Napolitano: «Se la ottiene Berlusconi la voglio anche io»

Un piccolo pregiudicato veronese, condannato con sentenza definitiva a quattro mesi per violenza a pubblico ufficiale, ha presentato domanda di grazia al presidente Giorgio Napolitano "condizionandone" però l'eventuale concessione all'ipotetica grazia che potrebbe essere concessa a Silvio Berlusconi, nel caso in cui ne facesse richiesta.La domanda del 46enne Tomas Mazzi è stata resa nota dal suo avvocato difensore, il veronese Guariente Guarienti. «La mia domanda di grazia - scrive nel documento inviato al Quirinale - è condizionata al fatto che venga concessa la grazia all'onorevole Silvio Berlusconi, sempre che questi, direttamente o indirettamente, la chieda».«Onestamente - prosegue Mazzi - riconosco di aver subito più condanne di quante ne ha subite l'ex presidente del Consiglio, osservo tuttavia come si tratti di reati di gran lunga meno gravi». La condanna a quattro mesi di reclusione - attualmente con esecuzione sospesa per la verifica dell'idoneità dell'abitazione dell'uomo ad accoglierlo agli arresti domiciliari - è stata patteggiata da Mazzi per un episodio di violenza contro un pubblico ufficiale commesso mentre era sotto l'effetto dell'alcol. fonte il mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07