Caserta, contrasti e litigi da anni: lo uccide in piazza

E' stato ucciso con un colpo di pistola alla testa, nella piazza di una piccola frazione di Sessa Aurunca (Caserta), Luigi D'Arino, 57 anni. E il colpevole, Vincenzo Perillo, 64 anni, ha confessato di essere stato lui a premere il grilletto. La vittima lavorava alla Provincia e l'assassino era impiegato dell'Agenzia delle Entrate: i due erano da anni in pessimi rapporti e litigavano su tutto, dalle questioni personali a quelle politiche. Sono stati i carabinieri della stazione di Sessa Aurunca, dopo una segnalazione, a trovare il cadavere di D'Arino sul selciato della piazza di Corigliano di Sessa. L'omicidio è avvenuto poco dopo mezzogiorno. Immediate le indagini, che si sono concentrate sul contesto locale e familiare in cui viveva la vittima, con i sospetti che sono subito cadut su Perillo, con cui D'Arino era in pessimi rapporti da anni. L'uomo si è presentato in caserma. Sembra dunque che il movente siano proprio le vecchie ruggini tra vittima e omicida, i problemi tra i due di carattere personale, familiare e politico. Fonte: TgCom
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07